Associazione “Civica per Rovigo”

Elezioni amministrative 2024 – Edoardo Gaffeo Candidato Sindaco

Quando soffia il vento del cambiamento, alcuni costruiscono muri, altri invece mulini a vento!

Che cos'è il cambiamento? È il cambiare o il cambiarsi, è mutamento, trasformazione, modifica. Se pensiamo alla natura, il cambiamento fa parte di un processo naturale che ciclicamente si ripete e rigenera e rinnova il mondo. Ogni cambiamento porta ad una situazione diversa dalla precedente e contribuisce ad alimentare la vitalità delle esperienze quotidiane, a rompere la consuetudine.

Come accade in natura, anche per le persone e per le organizzazioni il cambiamento è sinonimo di rigenerazione, di vitalità.

Il cambiamento offre opportunità di muoversi sul seguente gradino evolutivo della nostra esperienza, acquisire nuove capacità, conoscere meglio noi stessi, stimolarci a fare sempre meglio.

Questo vale anche per le organizzazioni e per la nostra bella comunità rodigina. Il mantenimento dello "status quo", è rigidità. Tutto ciò che è flessibile e fluido tende a crescere. Tutto ciò che è rigido e bloccato tende ad atrofizzarsi e a morire.

L'Associazione Civica per Rovigo ha organizzato alcuni gruppi di lavoro dinamici, che affrontano varie tematiche che riguardano la città di Rovigo e le sue Frazioni.

Dei gruppi di lavoro fanno parte gli Associati che mettono le proprie competenze al servizio della comunità, lavorando su piccoli progetti e iniziative da proporre finalizzate a migliorare la città di Rovigo e le sue frazioni sotto i più diversi aspetti.

I gruppi sono laboratori dinamici, aperti all'ascolto delle esigenze dei Cittadini e al confronto con persone che portino know how e competenze di valore.

Ti aspettiamo per conoscerti.

 

apertura fissa sede settimanale

Le nostre iniziative

Finalmente oscurati quei messaggi divisivi e nocivi

Finalmente oscurati quei messaggi divisivi e nocivi

“I messaggi divisivi come quelli lanciati dai cartelloni della Lega per Salvini Premier delle Elezioni Europee non solo ci deludono ma ci preoccupano fortemente per il messaggio che lanciano, soprattutto posizionati in prossimità delle scuole ed esposti agli studenti della nostra città”.

Con le parole delle candidate Elena Biasin ed Elena Rossi, la Lista Civica per Rovigo per Edoardo Gaffeo sindaco condanna fermamente l’affissione di cartelloni per la campagna elettorale della Lega per Salvini Premier delle Elezioni Europee, raffiguranti una donna coperta da velo integrale: “Si tratta, a nostro parere, di messaggi che possono essere letti come un incitamento all’intolleranza e alla discriminazione”.

È con profonda preoccupazione e delusione che la Civica per Rovigo commenta la diffusione di messaggi così divisivi e nocivi per la comunità. “L’utilizzo di immagini che alimentano stereotipi o, peggio, forme di disprezzo nei confronti di persone appartenenti a determinate culture o religioni, viste come una minaccia, è inaccettabile e contraddice i valori di apertura, inclusione e rispetto che anche noi come rodigini dovremmo coltivare e difendere – aggiunge la candidata consigliere Elena Rossi – Ancora più sconcertante è il fatto che uno di questi cartelloni sia stato nei giorni scorsi posizionato proprio al di fuori dell’Istituto Superiore Itis Viola di Rovigo: proprio mentre stiamo scrivendo abbiamo preso atto della sua rimozione e questo ci fa sperare in un ripensamento anche alla luce delle tante reazioni di protesta da parte di numerosi cittadini”.

Le scuole, ribadisce la candidata della Civica, “dovrebbero essere luoghi in cui si promuove attivamente il rispetto delle diversità culturali e religiose, e dove si incoraggiano gli studenti a sviluppare un senso di apertura al mondo e di inclusione. È incomprensibile che proprio di fronte a un istituto scolastico sia stata messa in mostra una propaganda così divisiva e dannosa”.

Di seguito un messaggio diretto alla candidata sindaco del centrodestra: “La Lista Civica per Rovigo per Edoardo Gaffeo ritiene incomprensibile che una candidata sindaco nonché dirigente scolastica non abbia ancora preso una posizione chiara e decisa nel condannare questi cartelloni elettorali per tutti i motivi che sopra abbiamo sottolineato. Riteniamo che una persona che ricopre tale importante e delicato incarico avrebbe dovuto dissociarsi pubblicamente da un messaggio così divisivo e pericoloso. La scuola italiana ha il merito di aver fatto dell’inclusione il pilastro delle azioni educative, comprendendo tutte le forme di diversità di cui sono portatori le alunne e gli alunni”, recitano le linee guida ministeriali per l’interculturalità. La scuola dovrebbe essere un luogo sicuro e inclusivo, dove gli studenti possono sentirsi accolti e rispettati, indipendentemente dalla loro provenienza culturale, religiosa o sociale. La mancanza di una condanna esplicita rischia di indebolire il messaggio di tolleranza e inclusione che dovrebbe essere al centro della formazione dei giovani”.

La Lista Civica per Rovigo per Edoardo Gaffeo ribadisce l’importanza di promuovere un clima di rispetto reciproco e solidarietà all’interno della nostra comunità, come testimonia la giornata di domenica 5 maggio, in cui il sindaco uscente, nell’accettare la sua candidatura alle prossime elezioni comunali, ha ribadito il concetto secondo cui “[…] una comunità si costruisca includendo e condividendo, aprendosi al resto del mondo rimanendo orgogliosi delle proprie radici, ponendo in un dialogo costante diritti e doveri, nella consapevolezza che la partecipazione civica è un mezzo per completarci come persona e non un fine”.

 

Civica per Rovigo, Forum dei cittadini e Movimento 5 stelle: “Su IRAS aspettiamo le elezioni”

Civica per Rovigo, Forum dei cittadini e Movimento 5 stelle: “Su IRAS aspettiamo le elezioni”

Una presa di posizione forte e, soprattutto, unitaria: Claudia Biasissi, Federico Saccardin ed Elena Suman hanno inviato una lettera molto chiara a Tiziana Stella  Commissario di Iras e per conoscenza a Manuela Lanzarin, Assessore alla Sanità della Regione Veneto, e a Gianfranco Tomao, Commissario straordinario del Comune di Rovigo, per chiedere di non procedere alla privatizzazione di alcuna attività di IRAS e di aspettare quindi l’esito delle elezioni e a questo proposito chiedono anche un incontro con il Commissario Stella.

“L’IRAS è un patrimonio pubblico della città – scrivono le tre forze che appoggiano la candidatura a sindaco di Edoardo Gaffeo – e come tale va salvaguardato, anche relativamente ai rapporti di lavoro. È importante la ripresa di un dialogo istituzionale che consenta di definire una soluzione concordata che permetta da un lato di contribuire al prosieguo dell’attività dell’IRAS, dall’altro consentire al Comune un adeguato utilizzo dell’Immobile di Casa Serena ed evitare un nuovo vuoto urbano con i problemi di sicurezza che il suo stato di abbandono può favorire”.

I gruppi concludono che ritengono “opportuno concedere ai nuovi amministratori la possibilità di riprendere un confronto per giungere ad una soluzione che salvaguardi la connotazione pubblica della sua attività e del rapporto di lavoro delle proprie maestranze”.

 

 

 

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO CIVICA PER ROVIGO E FORUM DEI CITTADINI del 19/3/2024

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO CIVICA PER ROVIGO E FORUM DEI CITTADINI del 19/3/2024

In maniera pubblica, a verbale dell’ultimo consiglio comunale, il sindaco dimissionario Edoardo Gaffeo ha annunciato la propria ricandidatura, per completare quanto iniziato e per dare continuità a 52 milioni di euro di opere pubbliche ed investimenti che sono stati aggiudicati dall’amministrazione uscente, abbandonata dal Partito Democratico.

Come Associazione Civica per Rovigo e come Forum dei Cittadini abbiamo espresso convintamente l’intenzione di rimanere al fianco del sindaco che, più di ogni altro nella storia recente cittadina, ha lavorato per garantire al capoluogo un futuro migliore: Edoardo Gaffeo. Lo stop legato alla pandemia ha creato inevitabilmente un ritardo nell’azione amministrativa, ma non ne ha smantellato le progettualità, motivo per cui siamo stati felici della sua scelta di continuare a mettersi a disposizione per Rovigo ed i suoi cittadini. 

Accogliamo con favore la disponibilità  espressa dal  Movimento 5 Stelle di Rovigo a rafforzare la nostra compagine civica, progressista ed ambientalista, per l’affinità con i valori che sono propri anche al partito di Giuseppe Conte. 

A chi chiede un passo indietro per poter ricominciare un dialogo con il centrosinistra, rispondiamo che le nostre porte sono sempre rimaste aperte, con chiunque abbia voluto confrontarsi, a chi chiede di individuare il miglior candidato possibile per vincere “le destre, il vero nemico della campagna elettorale”, rispondiamo che quanto fatto finora dall’amministrazione di Edoardo Gaffeo dimostra senza dubbio alcuno che il candidato migliore sia lui. Edoardo Gaffeo è più di ogni altro, un candidato sindaco credibile, competente e concreto, perché ha già dimostrato di esserlo, ed è la scelta naturale dopo un primo mandato. 

Noi non abbiamo un “avversario da battere”, abbiamo il desiderio di riuscire a dimostrare quanto siano false alcune delle populistiche affermazioni che provengono da quella parte che, con Gaffeo sindaco, era la minoranza consiliare, ed abbiamo la convinzione di essere in grado di farlo per proporre all’elettore di giugno una chiara rappresentazione dei fatti. Cerchiamo un voto consapevole, scevro dalla logica dei partiti nazionali, che può andare bene per le concomitanti elezioni europee, ma non dovrebbe condizionare il voto locale, poiché quanto fatto a Rovigo, per Rovigo e per i cittadini di Rovigo, è misurabile facilmente. 

A centrosinistra ci saranno altri candidati? Ben vengano. Auguriamo loro buon lavoro e buona fortuna, ribadendo che le nostre porte rimangono aperte in un clima sereno, costruttivo, e soprattutto privo di rancori.

Comunicato stampa del Candidato Sindaco Edoardo Gaffeo 11/3/2024

Comunicato stampa del Candidato Sindaco Edoardo Gaffeo 11/3/2024
“Mi ricandido, perché credo sia necessario offrire a Rovigo una seria proposta progressista e di centro-sinistra. Che si occupi di chi è più in difficoltà, e di chi vuole trovare qui un luogo dove poter costruire il proprio percorso di vita. Che dia corpo ad una idea di città e di territorio nei quali comunità e opportunità di crescita individuale diventino alleati. Che definisca una visione condivisa di futuro, e lavori con convinzione nel farla diventare realtà. Che punti con decisione ad un percorso di crescita duratura e sostenibile; nel quale innovazione, lavoro buono, spirito d’iniziativa, cultura, servizi alla persona e cura dell’ambiente diventino ingredienti di una ricetta che ci renda orgogliosi del lavoro che stiamo facendo per i nostri figli.
Mi ricandido, perché credo che la gestione della cosa pubblica debba essere slegata dai personalismi, e che l’impegno per la collettività debba venire prima di quello meramente individuale. Un percorso nel quale la difesa dell’interesse pubblico sia il faro dell’azione amministrativa, con l’obiettivo di curare e valorizzare il bene comune senza farlo diventare preda di interessi di parte e facili populismi. Consapevole che la responsabilità di chi è chiamato a gestire risorse pubbliche deve accompagnarsi a realismo e onestà di pensiero, e che la tutela e valorizzazione delle risorse che gli sono state affidate deve rappresentare il principio di fondo di qualsiasi scelta.
Mi ricandido, per continuare il lavoro iniziato durante l’Amministrazione che ho avuto l’onore di guidare. Perché sono state gettate delle solide basi. Fatte di ingenti risorse finanziarie, messe a disposizione della città per importanti progetti di rigenerazione urbana ed ambientale. Della ripresa di un piano sostenibile di manutenzione, messa in sicurezza e riqualificazione energetica delle infrastrutture di base del centro e delle frazioni, da troppi anni totalmente assente. Di investimenti pubblici in personale e progetti al servizio dei più fragili, in stretta sinergia con il mondo del terzo settore. Di una pianificazione attenta degli aspetti urbanistici, paesaggistici, ambientali e di mobilità della Rovigo dei prossimi anni. Di avvio di nuove ambiziose iniziative in ambito universitario. Di un’offerta culturale innovativa, attrattiva e coinvolgente in grado di proiettarci sempre più su palcoscenici nazionali ed internazionali. Di politiche non “per” i giovani, ma “con” e “dei” giovani. Di recupero di spazi e aree pubbliche dismesse, dando loro nuova vita e funzionalità. Di una ritrovata centralità nella programmazione territoriale di area vasta.
Mi ricandido, perché desidero continuare a lavorare assieme a voi, per la nostra città.”
Edoardo Gaffeo
Candidato Sindaco Comune di Rovigo